Close

Tessere resistenti che sostituiscono un catalogo cartaceo

Creato nel 2018, Negotium è una società con sede ad Angers che offre i propri servizi a dei Comités Sociaux et Economiques (Comitati economici e sociali). Ha come obiettivo offrire ai dipendenti vantaggi e sconti presso le imprese locali, in particolare dando loro accesso a una rete di partner economici locali (prêt-à-porter, tempo libero, ristorazione, biglietteria culturale, ecc.).

Inizialmente, l'elenco dei negozi partner e le rispettive offerte sono stati raccolti in un supporto cartaceo chiamato "Carnet des bonnes adresses". Oggi, invece, la start-up di Angers presenta la "Carte des bonnes adresses", ovvero un supporto in carta plastificata che si adatta meglio alle esigenze aziendali. Ritorno a questo progetto.

 

 

Individuare un'alternativa non cartacea, più flessibile e durevole.

 

Per distribuire l'elenco delle 200 aziende appartenenti alla rete e le loro offerte promozionali, Negotium utilizzava il "Carnet des bonnes adresses". Questo supporto stampato veniva fornito ai dipendenti beneficiari e svolgeva la sua funzione informativa, ma non consentiva un facile e rapido aggiornamento dei dati. Per non parlare poi dell'impatto ecologico significativo legato alla necessità di effettuare ristampe regolari del documento. Inoltre non consentiva di comunicare facilmente informazioni aggiornate e immediatamente accessibili.

Quale soluzione, quindi, offre flessibilità di aggiornamento e robustezza? Come garantire l'accesso all'elenco dei partner aggiornato in tempo reale? E come poter garantire tutto questo, limitando l'impatto ecologico?

 

 

Carta in PVC con codice QR: un supporto fisico/digitale intelligente.

 

Ed è così che è nata la "Carte des bonnes adresses": un vero e proprio supporto fisico, in formato carta di credito, che viene consegnato ai dipendenti e che si collega a una parte digitale, grazie al codice QR sul retro. Questo codice QR si collega direttamente a una pagina Web che presenta tutte le offerte dei partner: il contenuto è quindi facilmente accessibile e altrettanto facile da aggiornare da Negotium.

Per stampare poi in tutta semplicità e su richiesta queste carte, è stata scelta la stampante Primacy. In qualità di attore locale, Negotium ha scelto naturalmente un'azienda di Angers per il suo progetto: "Evolis è un'azienda locale che agisce a livello internazionale, rinomata per la qualità dei suoi prodotti e servizi" spiega Bilal Rhoulben, fondatore di Negotium.

 

 

 

La risposta alle esigenze di oggi. E di domani.

 

Sia nel suo utilizzo quotidiano che in una visione a più lungo termine, la soluzione messa in atto risponde concretamente alle diverse esigenze citate:

  • Limita l'impatto ecologico: Negotium non ha più bisogno di stampare il "Carnet des bonnes adresses". I dipendenti possono accedere direttamente alle informazioni contenute scansionando il codice QR sulla loro "Carte des bonnes adresses".
  • Adotta un supporto durevole: mentre il Carnet diventava obsoleto molto rapidamente e doveva essere ristampato su base regolare (facendo diventare automaticamente inutilizzabile la versione precedente), l'utilizzo del codice QR consente di poter riutilizzare la medesima carta senza doverla buttare ogni volta.
  • Offre flessibilità e facilità di stampa: le carte vengono stampate direttamente nelle sedi Negotium con la stampante Primacy, su richiesta e istantaneamente. "La stampante è molto facile da usare e non richiede alcuna formazione specifica" spiega Bilal Rhoulben.
  • Consente di realizzare carte personalizzate: grafica, logo, codice QR, icone dei social network e tanto altro ancora. Qualsiasi elemento è facilmente personalizzabile utilizzando il software incluso.
  • Semplifica l'utilizzo da parte dei clienti: il formato carta di credito è molto pratico. I dipendenti beneficiari possono, ad esempio, conservare comodamente la loro "Carte des bonnes adresses" nel portafoglio (a differenza del Carnet), il che consente loro di averla sempre a portata di mano durante gli acquisti.

 

Ad oggi, Negotium ha già stampato e consegnato 1.000 "Carte des bonnes adresses".

 

 

 

 

Per guardare più lontano:

 

Condividi il case study