Close

Banner promo haut de page

Tessere di identificazione per gli scommettitori sportivi in Austria

Fateci sapere qual è il vostro progetto

Contattateci
Mostra tutti i case study
Cashpoint delivered 100.000 ID cards to players for sport betting

La sfida: registrare gli scommettitori sportivi in base alla nuova normativa austriaca

 

In Austria, le scommesse sportive registrano ogni anno un aumento di circa il 20%. Dal 2016, una nuova legge austriaca sulle scommesse prevede che gli utenti interessati vengano registrati tramite foto identificativa presso i centri scommesse. La società CASHPOINT, specializzata in scommesse sportive, ha voluto implementare un sistema che consentisse ai suoi centri scommesse di realizzare e stampare le tessere per i propri clienti in modo completamente autonomo.

 


Avansia picture

La soluzione: più di 60 sistemi Avansia installati nei punti vendita

Variuscard, il partner austriaco di Evolis, ha presentato Avansia a Cashpoint, che ha poi scelto di implementare tale sistema grazie:

  • all'affidabilità
  • alla velocità di stampa
  • all'elevata qualità di stampa

Cashpoint ha installato più di 60 sistemi Avansia di Evolis presso tutti i punti vendita per poter garantire ai clienti la stampa delle tessere in pochi istanti.

Per motivi di sicurezza, la tessera viene:

  1. prepersonalizzata da Variuscard tramite un chip codificato
  2. codificata con una seconda chiave cifrata dal personale dei centri scommesse
  3. personalizzata e stampata con il nome e la foto del cliente

 


Cahspoint - ID cards
 

Il risultato: 100.000 tessere stampate e consegnate presso i punti vendita

 

Il cliente riceve immediatamente la sua tessera personalizzata e può iniziare subito a scommettere. Si stima che, nel 2017, il numero di tessere stampate presso tutti i punti vendita CASHPOINT sarà di 100.000.

 

 

 

 

"Abbiamo notato che la stampa di carte plastificate direttamente presso i punti vendita prende sempre più piede, soprattutto nel settore del tempo libero. Questi sistemi di stampa ci consentono di garantire ai nostri clienti maggiore autonomia e reattività", spiega Michael Dorner, direttore generale di Variuscard.

 

Condividi il case study