Close

Banner promo haut de page

Maggiori controlli e accesso sicuro al CHU di Grenoble

Fateci sapere qual è il vostro progetto

Contattateci
Mostra tutti i case study
Secured access control in the hospital of Grenoble

La sfida: rafforzare i controlli e rendere più sicuri gli accessi alle strutture del CHU

A maggio del 2012, in seguito a un'aggressione avvenuta presso il punto di accoglienza del Pronto Soccorso del CHU di Grenoble, la direzione della struttura ha deciso di rafforzare le misure di controllo degli accessi al fine di garantire una maggiore sicurezza del personale e dei pazienti.

Per rendere più sicuri gli accessi ai propri ambienti, l'ospedale si è rivolto all'azienda Castel per l'installazione di apposite porte e l'implementazione di un nuovo sistema di badge rilasciati al personale con i diversi accreditamenti riesaminati di conseguenza.

 

 

Pebble4-Fire

La soluzione: emissione istantanea di badge identificativi con Evolis Pebble 4

 

La soluzione adottata consente di gestire con estrema semplicità i diritti d'accesso. Per prima cosa, il badge viene creato sulla base dei dati disponibili nel database del reparto Risorse Umane, contenente i profili di tutti gli utenti, quindi viene stampato con la soluzione per la stampa di Evolis Pebble 4.

Dopodiché, l'unità di gestione del reparto a cui è assegnato il titolare del badge attribuisce i diritti di gestione al badge in questione.

 

Il risultato: badge d'accesso per i 7500 professionisti che lavorano presso il CHU

 

Il sistema di controllo degli accessi garantisce la sicurezza dei 7500 professionisti e delle migliaia di pazienti dell'ospedale di Grenoble. Evolis è stata in grado di risolvere il problema in maniera ottimale grazie a una soluzione semplice e sicura, adatta alle esigenze delle strutture sanitarie.

Il seguente video dell'azienda Castel fornisce informazioni in merito all'implementazione di una soluzione per l'emissione istantanea di badge per il controllo degli accessi mediante la stampante per card Pebble 4 di Evolis:

Condividi il case study