Close

Banner promo haut de page

Carte multiservizi universitarie

Fateci sapere qual è il vostro progetto

Contattateci
Mostra tutti i case study
Logo-UNiversity-Numeric-Paris-300X192
 

La sfida

Una singola tessera contenente tutti i dati necessari per un'ampia gamma di servizi rivolti agli studenti. L'idea risultava particolarmente allettante per i responsabili degli istituti di istruzione superiore come la UNR Paris, tuttavia tali tessere rischiano di diventare ben presto obsolete se i dati non vengono aggiornati regolarmente.

 


TattooRW-front
 

La soluzione

Monécarte ha progettato il terminale Uni'Campus, una soluzione interattiva che consente la gestione autonoma delle tessere dopo l'emissione.

 

Gli aggiornamenti eseguiti in autonomia devono risultare semplici per gli utenti, ed è esattamente ciò che offre il terminale Uni'Campus:

  1. La carta viene inserita dal titolare e i dati vengono letti
  2. I nuovi dati vengono codificati nel chip
  3. L'area riscrivibile della carta viene aggiornata
  4. La carta viene restituita al titolare

 

Il terminale Uni'Campus è stato creato mediante l'adattamento e l'integrazione della stampante per carte Evolis Tattoo RW.

La stampante Tattoo RW è stata personalizzata per adattarsi ai requisiti specifici delle tessere prodotte da Uni'Campus:

  • L'involucro esterno in plastica è stato rimosso per semplificare l'integrazione fisica nella stampante.
  • È stata inoltre aggiunta una doppia codifica allo scopo di aggiornare i chip tradizionali e contactless, nonché per autenticare e codificare i dati mediante un modulo SAM per garantire la sicurezza delle operazioni di pagamento.

  


Il risultato

Card-university-paris-300X192

Presso l'Université Numérique Recherche de Paris è necessario aggiornare oltre 450.000 carte personalizzate. I terminali Uni'Campus lavorano a pieno ritmo

"I nostri clienti apprezzano l'elevata intuitività, efficienza, affidabilità e qualità di stampa delle stampanti Evolis", afferma Emmanuel Billac, Amministratore delegato, Monecarte.

Condividi il case study