Close

Banner promo haut de page

Carte di credito personalizzate presso la propria filiale

Fateci sapere qual è il vostro progetto

Contattateci
Mostra tutti i case study
Pajuno
 

La sfida

Negli ultimi dieci anni, la consegna decentralizzata di carte di pagamento mediante un rapporto diretto con il cliente ha preso sempre più piede, fino a sostituire il vecchio e scomodo invio di carte centralizzato. In Nigeria, alcune banche hanno iniziato a fornire ai clienti carte di pagamento emesse solo pochi minuti dopo la richiesta, migliorando così l'esperienza dei clienti e consentendo alle banche di eliminare le spese postali e i tempi di esecuzione relativi alla personalizzazione centralizzata. Pajuno Development Company Limited, distributore Evolis per la Nigeria, collabora con diverse istituzioni finanziarie locali per implementare l'emissione istantanea di carte.

 


primacy
 

La soluzione

Evolis Zenius e Primacy:

  • Forniscono una qualità di stampa elevata con opzioni di codifica versatili
  •  Rappresentano la soluzione ideale per operazioni allo sportello, grazie alle dimensioni compatte
  • Possono essere collegate in rete, in modo da consentire la personalizzazione delle carte da qualsiasi computer desktop

 

Oltre alla tecnologia di personalizzazione, Pajuno fornisce tutti i servizi correlati necessari, dalla progettazione delle carte al supporto in loco, in pacchetti appositamente progettati per le istituzioni finanziarie.

 


Il risultato

La personalizzazione di qualità superiore rappresenta un metodo efficace per supportare l'immagine aziendale globale, migliorando sensibilmente l'esperienza dei clienti: la carta può essere utilizzata pochi minuti dopo la richiesta e gli schermi degli sportelli bancomat visualizzano un messaggio personalizzato per il cliente al ritiro del contante. Infine, come afferma Patrick Mbano,

"Grazie a tutti i vantaggi per i nostri clienti e i loro utenti finali, non sorprende che Evolis per noi sia diventato uno standard per tutti i progetti di emissione istantanea".

Condividi il case study